Inter: inizia l’era Spalletti, ecco il progetto

15
Spalletti il nuovo allenatore dell'Inter
Spalletti il nuovo allenatore dell'Inter

“Voglio riportare il club nella storia, ora si fa a modo mio”

Nella prima conferenza stampa da allenatore dell’Inter Spalletti ha presentato il suo progetto per la nuova Inter, presentando il suo credo anche con la squadra nerazzurra. Spalletti ha dichiarato che non si può vincere senza attaccamento alla maglia, cosa che è successa nella stagione passata: “Bisogna cambiare rotta, è necessario poichè non si vince nulla da troppo tempo”. Il modulo che il nuovo allenatore ha intenzione di  applicare alla squadra è il 4-2-3-1, ed ha un’idea precisa di ciò che vuole dai suoi calciatori ovvero senso di iniziativa, dominio ed un baricentro spostato verso l’attacco. La stessa filosofia applicata alla Roma che quest’anno ha realizzato 90 gol, miglior attacco dietro il Napoli con 94, e da Dzeko che ha vinto la classifica di capocannoniere con 29 reti.

“Ho scelto l’Inter per riportarla dentro la storia di questo grande club”, queste le decise affermazioni di Spalletti che ha elogiato Stefano Vecchi per la vittoria del titolo con la Primavera ed alla sua squadra per aver portato un risultato importante. Tra le domande poste dai giornalisti presenti alla conferenza ce ne sono state alcune riguardanti Icardi e Perisic: “Deve essere una squadra che funziona, ed i giocatori forti con qualità assolute devono riuscire a donare tutte le qualità ai propri compagni.

La difesa è il primo reparto dove eè necessario metter mano. L’unico che dovrebbe essere confermato sarà D’Ambrosio, autore di una stagione molto positiva. A tal proposito la dirigenza nerazzurra ha quasi chiuso per Dalbert (Nizza), si pensa a Karsdop del Feyenord e non abbandona la pista Rudiger. A centrocampo la rosa attuale prevede molte opzioni, e tra le più accredidate almeno inizialmente sono Gagliardini e Kondogbia, non scartando le voci di mercato che vedrebbero Luis Gustavo nel mirino della squadra milanese.

CONDIVIDI